Vespe (Vespidae).

Tuttavia, le vespe vengono considerate dannose soltanto in determinate circostanze poiché, come numerosi altri insetti, rivestono un ruolo importante nel garantire l’equilibrio dell’ecosistema. Proprio come le api, loro congeneri, anche le vespe vivono in colonie, ma il loro ciclo vitale è limitato a una sola stagione e sono particolarmente attive in estate e autunno. A partire dal mese di aprile, la regina, destatasi dal letargo invernale, inizia a costruire il nido in un luogo protetto e a deporre le prime uova nei nuovi favi.

Come si riconoscono le vespe?

Spesso erroneamente scambiate per api, le vespe hanno una struttura corporea molto diversa e si distinguono dalle loro congeneri per il colore e per i luoghi di nidificazione. La colorazione aposematica a strisce gialle e nere sottolinea il carattere piuttosto agguerrito di questo insetto.

Le vespe hanno dimensioni comprese fra i 12 e i 15 mm, mentre le regine possono arrivare fino a 19 mm

  • Corpo affusolato di colore giallo acceso con strisce nere
  • Assenza di peluria
  • Antenne lunghe e curve
  • Sono più aggressive delle api e in grado di pungere più di una volta

Scegliere il paese